Fansub Anime Attivi nel 2017

Aka

Allgame 2.0

Anime4You

Anime ad Alta Definizione

Anime Lovers

Anime Magic

Anime News

AnimeVision

Arcadia

BAM

Best Fansub Ever

Bowling Ball

Chokoreto

Danger Zone

Emblem

F&Fs

Fallen Star

Foxy63

Ghost

GTO

Hanasaku

IDIF

Jimaku

Kanji

Komorebi

Krosis

Kumachi

Kumo

Kyoto

Legion Errant

LGDA

Loto Cremisi

Lovely

Manga Anime Sekai

Naruto Italian Forum

No Name

Omnivium

OPFItalia

Otaco

Otaku

Owari

Pantaloni Rossi

Rakuen

Red Anime Database

Saimoe

Sarulandia

Scro

Shinsei-kai

SSA

SubZero

Tanoshimi no Sekai

Tanuki

The Crows

Tonkatsu

Tutto Anime

UMS

Underworld

Whine

World Archive

XIII

Yaoi801

Advertisements

Rocket Girls: tuffo del cervello al Rocket Roll High School

Brian Ruh, Anime News Network 17 maggio 2011rocket-girls“Dov’è la mia macchina volante? Dov’è il mio jetpack?”
Queste sono le lamentele di chi è cresciuto sotto le promesse della fantascienza. Per molti anni siamo stati portati a credere che tale fredda tecnologia futuristica fosse imminente. Purtroppo, la dura realtà dell’economia hanno messo la parola fine a tali idee fantasiose. Mi piacerebbe sicuramente andare al lavoro via aerea, ma a che servirebbe? Attualizzandone lo spirito, sarebbe davvero il modo migliore per viaggiare? Probabilmente no, sarebbe più pericoloso, costoso e inquinante rispetto agli attuali mezzi di trasporto terrestri. Di fronte a questi fatti, le idee radicate nella fantascienza non hanno mai attecchito. Lo stesso si potrebbe dire del viaggio spaziale. Abbiamo sognato di viaggiare nello spazio da sempre, e il genere umano ci gira, mandandovi gente da poco più di 50 anni. Tuttavia, a questo punto della nostra storia, gli Stati Uniti sembrano essere indietro nei viaggi spaziali con equipaggio. Emblematico di ciò è il ritiro della flotta di navette spaziali. (In realtà, nel momento in cui leggete, il lancio di uno shuttle sarebbe probabilmente avvenuto, si spera senza intoppi). Sono cresciuto pensando allo shuttle come la via da seguire, e che ogni lancio ci avrebbe portato più vicino alla colonizzazione dello spazio, nonostante l’età dello shuttle e le spese enormi. Purtroppo, la spinta ad esplorare l’universo perdura fin quando le preoccupazioni economiche iniziano ad avere la priorità. Tuttavia, solo perché un’organizzazione come la NASA non lancia navette, non vuol dire che tutto sia necessariamente perduto per i voli spaziali con equipaggio. Sembra che ci sia un processo di decentramento e privatizzazione oggi. Non sono necessariamente recenti, dato che vi erano aziende private che lavoravano alle tecnologie dei voli spaziali negli anni ’70, ma sono aumentate negli anni ’80 e ’90, e con l’ulteriore declino dei programmi sponsorizzati dal governo, probabilmente avranno maggiore rilevanza. Naturalmente, ciò significa che i nostri prossimi passi nello spazio devono avere senso economico ed essere avventurosi.
In un crgerto senso, il romanzo di Housuke Nojiri, Rocket Girls, è preveggente. Infatti, nella postfazione dell’edizione in inglese uscita lo scorso anno presso Haikasoru, l’autore si preoccupa di sottolineare come il suo libro sia “profetico” sui voli spaziali con equipaggio. (Un punto per la potenziale prognosi della fantascienza, anche se, ad essere onesti, chiamarla così è probabilmente sbagliato più di quanto non sia corretto. Solo che le persone tendono a dimenticare le visioni futuristiche che non si sono avverate.) Nel romanzo, la piccola Solomon Space Association cerca d’inviare un uomo nello spazio con nuove tecnologie. Anche se basata nelle Isole Salomone, l’associazione è finanziata, gestita e diretta quasi interamente da cittadini giapponesi. L’associazione ha cercato di dimostrare il proprio valore, ma molti dei suoi lanci sono stati un fallimento, e Yaskawa, l’unico candidato astronauta, ne ha finalmente abbastanza e cerca di scapparsene. Tuttavia, l’associazione deve spedire una persona in orbita nei prossimi sei mesi o l’intero progetto dovrà essere dissolto. Arriva Yukari Morita, liceale giapponese che giunge sull’isola delle Solomone di Maltide, dopo aver saputo di molti giapponesi che vi abitano. Cerca suo padre, che non ha mai incontrato da quando è scomparso durante la luna di miele dei genitori a Guadalcanal. Poiché la madre di Yukari ha più soldi che buon senso, ha permesso alla figlia d’indagare sul mistero della scomparsa del marito (che, stranamente, sembra avere poco interesse per lei). Nella ricerca per individuare l’enclave giapponese, Yukari incontra l’astronauta Yasukawa proveniente dalla direzione opposta, in fuga dalla sicurezza della SSA nel tentativo di mollare il programma spaziale apparentemente condannato. Una volta che la sicurezza e gli amministratori della SSA raggiungono Yukari e Yaskawa, si rendono conto di aver trovato l’astronauta perfetto in Yukari, dato che è abbastanza piccola per soddisfare i severi requisiti di peso del missile. In cambio dell’aiuto per trovare suo padre, Yukari accetta di diventare la nuova astronauta della SSA.
Rocket Girls iniziò come light novel a puntate sul Dragon Magazine nel 1994. Per chi non ha familiarità con questa pubblicazione, nel 1988 Dragon Magazine presentò nuovi light novel, molti dei quali divennero poi degli anime. Full Metal Panic!, Maburaho, The Legend of the Legendary Heroes, Chrome Shelled Regios e Kore wa Zombie Desu ka? sono solo alcuni esempi di titoli che apparvero sulle pagine di Dragon Magazine. (Naturalmente, se sia un’indicazione di qualità è una valutazione che è meglio lasciare al lettore.) Rispetto a molti light novel che spesso si gettano in modo inverosimile nella magia o nella tecnologia che sembra magia, Rocket Girls è ancorato alla realtà. In un mondo che di sicuro deluderebbe Haruhi Suzumiya, viaggiatori del tempo, ESPer e alieni non compaiono in Rocket Girls. C’è solo la tecnologia missilistica di oggi (più o meno con qualche modifica) e una ragazza che si ritiene fortunata ad avere la possibilità di diventare la prima astronauta della SSA. Anche se Rocket Girls è un light novel, come tutte le pubblicazioni di Haikasoru non ha illustrazioni in stile anime sulla copertina, scegliendo invece uno stile più realistico che probabilmente si rivolge a un pubblico generale. Tuttavia, la copertina è ancora opera di Katsuya Terada, illustratore e artista manga giapponese probabilmente più famoso per i suoi personaggi nell’originale Blood: The Last Vampire film, quindi restano i legami con gli anime. A differenza di molti light novel, non ci sono illustrazioni; tuttavia, dato che non ho visto alcuna copia del romanzo in giapponese, non so se fossero presenti nella versione originale. La maggior parte delle persone che mi leggono avrà probabilmente più familiarità con Rocket Girls dal suo adattamento anime del 2007. Come anime di fantascienza, ha alcune credenziali piuttosto solide dal mondo reale, come la cooperazione alla produzione della JAXA (Japan Aerospace Exploration Agency) e un cameo della vera astronauta giapponese Naoko Yamazaki (che da voce al medesimo personaggio). Nonostante tutto questo però, l’anime Rocket Girls non mi piaceva. Penso che gran parte di ciò sia dovuto alla promozione della serie che mostra i personaggi troppo moe nelle stereotipate girl pose degli anime, tra cui le obbligatorie scene in spiaggia. Quando ho letto la sinossi della serie, la presunzione principale della storia mi ha dato l’impressione di mera scusa per introdurre qualche shoujo in una storia sull’esplorazione dello spazio. Il fatto che ragazze adolescenti siano necessarie in quanto i missili hanno bisogno di astronauti leggeri e agili il più possibile, mi sembrava solo il dispositivo di una trama tanto stupida che decisi di dargli un occhiata. Dopo aver finito l’originale, penso ancora che l’idea d’inviare adolescenti verso lo spazio sia abbastanza ridicola, ma ora sembra essere una scusa per combinare moe e missili. L’unica parte della storia che sembra strana sono le tute spaziali di nuova concezione, incredibilmente sottili e flessibili, in modo da adattarsi come una seconda pelle. All’inizio della storia, Yukari le osserva come “il sogno di un pervertito” e menziona in seguito che lascia “ben poco all’immaginazione“. Fortunatamente il libro non si sofferma su questo aspetto, anche se ho potuto vedere come vi si può giocare quando la storia viene portata sullo schermo. Non seppi che dopo aver finito di leggere Rocket Girls che era stata originariamente pubblicata su una rivista. Se l’avessi saputo, avrei potuto accettare meglio l’aspetto generale e la struttura del libro. Due dei miei più grandi problemi con il romanzo (e sono interconnessi) è la pura fantasticheria di alcuni aspetti chiave della trama e di come conflitti, interpersonali e tecnologici, siano risolti. Credo che uno degli aspetti chiave della fantascienza è che il mondo viene presentato in modo da dare un senso alla fine. Se c’è qualche fantastica nuova tecnologia, deve essere presentata in modo tale che il lettore o lo spettatore pensi, “Okay, è abbastanza fuori, ma potrebbe succedere“. Penso che parte della credibilità della fantascienza dipenda anche dal modo in cui personaggi e scenari si colleghino, si può spiegare quanto si vuole tramite la tecnologia, ma se i personaggi non interagiscono in modi convincenti, il realismo che si cerca di creare viene gravemente minato. Una critica rivolta spesso alla fantascienza è che le idee hanno la precedenza su personaggi e storia. Purtroppo questo è ciò che accade con Rocket Girls. Dato che non sono un scienziato missilistico, non ho alcun problema con la tecnologia nel libro, ma non riesco proprio a credere allo svolgersi di certi eventi e alle relazioni tra i personaggi. Per prima cosa vediamo quando Yukari incontra Yasukawa mentre fugge dalla sicurezza della SSA. Mentre è sull’Humvee di Yaskawa, un elicottero cerca di fermarli sparandogli dei razzi. Basta pensarci per un secondo. Il team di sicurezza di un’agenzia spaziale vuole fermare l’astronauta chiave e una civile cercando di farli saltare in aria. Ora, questo potrebbe funzionare in una disordinata commedia di fantascienza sulla falsariga di Kate e Julie, ma per la maggior parte ho la sensazione che Rocket Girls voglia rendere le cose in modo piuttosto semplice, rendendo l’incontro ancora più strano. Oltre all’uso della forza letale per cercare di fermare un paio di civili disarmati, si pensi a questa serie di coincidenze: alla prima missione di addestramento di sopravvivenza di Yukari nella giungla, studyingincontra una ragazza indigena di nome Matsuri, che le fa incontrare il padre, il capo, che si scopre essere il padre disperso di Yukari. (Questo accade subito nel libro, che non è proprio uno spoiler). Sì, sulla base di null’altro che di una semplice voce, Yukari s’è recata nelle Isole Salomone e ha trovato il padre, non solo vivo e vegeto, ma a capo di un intero villaggio. Inoltre, quando Matsuri riporta Yukari alla base della SSA, gli amministratori decidono che, poiché la ragazza nativa è fisicamente simile a Yukari, sarebbe un’astronauta di riserva, cosa che accetta facilmente. L’enorme quantità di coincidenze in questo libro è un po’ troppa, a volte. Tutto scorre bene in Rocket Girls perché c’è bisogno che sia così, a prescindere dal fatto che abbiano senso. Lo stesso vale quando i personaggi comunicano tra loro. Un caso particolarmente interessante è quando il direttore della SSA chiama la madre di Yukari in Giappone per farle sapere che vorrebbe che la figlia diventi un’astronauta. Ora si potrebbe pensare che anche il genitore più negligente potrebbe preoccuparsi per la ragione di divenire un’astronauta e per la sicurezza della figlia. Tuttavia, nel caso della madre di Yukari, si sbaglierebbe. Parla al direttore e a Yukari, ed entrambe le conversazioni coprono circa due pagine. E’ come se si trattasse di una formalità che l’autore deve espletare, così spiccia la faccenda il più rapidamente possibile.
Alla fine, Yukari supera il programma di addestramento afflitto da ulteriori problemi sociali (perseguitata sempre dai media) e tecnologici (ritardi del lancio). Finalmente andrà nello spazio? Diciamo che ci sono tre sequel del primo libro Rocket Girls, e sarebbe probabilmente piuttosto noioso se trascorresse tutto il tempo confinata sulla Terra. In realtà, il sequel Rocket Girls: The Last Planet di Haikasoru è stato pubblicato un paio di mesi fa. Nonostante evidenti difetti del primo romanzo, sono tentato di leggere il secondo, ma probabilmente solo se riesco a trovarlo in biblioteca. Non mi pento di aver letto Rocket Girls, ma non vorrei pagarne il privilegio.

big-rocket-girls-op-rise-ostBrian Ruh è autore di Stray Dog of Anime: The Films of Mamoru Oshii. Potete trovarlo su Twitter @animeresearch.

Rocket06Rocket Girls – episodio 01 Destino, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 02 Assemblaggio, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 03 Piattaforma di lancio, sub in Italiano a cura di Wakokid
Download
Streaming.

Rocket Girls – episodio 04 Conto alla rovescia, sub in Italiano a cura di Wakokid
Download
Streaming.

Rocket Girls – episodio 05 Accensione, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 06 Controllo, sub in Italiano a cura di Wakokid
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 07 Gravità, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 08 Separazione, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 09 Motore di Manovra, sub in Italiano a cura di Wakokid.
DownloadStreaming.

Rocket Girls – episodio 10 Navetta, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 11 Inizio Rotazione, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 12 Rocket Girls, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

rocketgirls

Rocket Girls – episodio 11 Inizio Rotazione

rocketgirlsRocket Girls – episodio 11 Inizio Rotazione, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 10 Navetta

rocketgirlsRocket Girls – episodio 10 Navetta, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 07 Gravità

rocketgirlsRocket Girls – episodio 07 Gravità, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 05 Accensione

rocketgirlsRocket Girls – episodio 05 Accensione, sub in Italiano a cura di Wakokid.
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 04 Conto alla rovescia

rocketgirlsRocket Girls – episodio 04 Conto alla rovescia, sub in Italiano a cura di Wakokid
Download
Streaming.

Rocket Girls – episodio 03 Piattaforma di lancio

rocketgirlsRocket Girls – episodio 03 Piattaforma di lancio, sub in Italiano a cura di Wakokid
Download
Streaming.

Rocket Girls – episodio 02 Assemblaggio

rocketgirlsRocket Girls – episodio 02 Assemblaggio, sub in Italiano a cura di Wakokid
Download Streaming.

Rocket Girls – episodio 01 Destino

rocketgirlsRocket Girls – episodio 01 Destino, sub in Italiano a cura di Wakokid
Download Streaming.