I film Top Ten del Giappone

180.189.000 biglietti venduti per 610 film di produzione nazionale
ANN

a17699-3837478089-1444013879L’Associazione dei produttori cinematografici del Giappone (MPPAJ o Eiren) ha pubblicato le statistiche dei botteghini giapponesi del 2016. Le statistiche riguardano i film proiettati da novembre 2015 al novembre 2016. Il totale lordo dell’anno è 235.508.000.000 di yen (circa 2,07 miliardi di dollari), con un incremento dell’8,5% rispetto allo scorso anno, un record per il Giappone. Il totale di biglietti venduti è 180.189.000, con un incremento dell’8,1% rispetto allo scorso anno. Ciò equivale a una media di 1,42 biglietti a persona. I film nazionali hanno incassato 148.680.000.000 di yen (circa 1,3 miliardi di dollari), un aumento del 23,5% rispetto allo scorso anno. I film stranieri 86,9 miliardi (circa 764 milioni di dollari), un decremento del 10,2% rispetto allo scorso anno. I film stranieri hanno contribuito per il 36,9% negli incassi complessivi al botteghino, rispetto al 44,6% dello scorso anno.
610 film nazionali proiettati in Giappone, rispetto ai 581 dello scorso anno. 42 di questi film hanno incassato più di 1 miliardo di yen (circa 8.790.000 di dollari), un incremento rispetto ai 39 dello scorso anno. I 42 film hanno incassato in totale 116,7 miliardi di yen (circa 1,02 miliardi di dollari). 11 di questi erano film anime, con un decremento rispetto allo scorso anno, quando erano 13. I film anime hanno incassato in totale di 55,3 miliardi di yen (circa 486 milioni di dollari), il 47% del totale dei film nazionali. Il Tuo Mome di Makoto Shinkai è il film anime che ha guadagnato 23,56 miliardi di yen (circa 207 milioni di dollari).
I film anime degni di nota che appaiono nella top ten dei maggiori incassi dell’anno sono Kizumonogatari Parte 1: Tekketsu e Kizumonogatari Parte 2: Nekketsu, che insieme hanno incassato un totale di 1,5 miliardi di yen (circa 13.190.000 di dollari), così come Eiga Mah? Tsukai Precure! Kiseki no Henshin! Cure Mofurun! e Eiga Precure All Stars: Minna de Utau Kiseki no Maho!, che in totale hanno incassato 1 miliardo di yen (circa 8.790.000 di dollari). King of the Prims di PrettyRhythm ha incassato 700.000.000 di yen (circa 6,15 milioni di dollari).
539 film stranieri sono stati proiettati in Giappone, rispetto ai 555 dello scorso anno. 19 di questi film hanno incassato più di 1 miliardo di yen. Quattro erano film d’animazione, pari al 33% del totale incassato da questi 19 film. Il primo film straniero è stato Star Wars: Il Risveglio della Forza, seguito da Zootopia, Alla ricerca di Dory e Pets, vita da animali.
Il numero totale di schermi cinematografici in Giappone era 3472, più 35 rispetto allo scorso anno. Il prezzo medio dei biglietti era di 1307 yen (circa 9 euro) leggermente meno dei 1303 dell’anno scorso.a18589-2199325002-1468635976Fonte: Animation Business Journal

Perché Il Tuo Nome incanta il Giappone

BBC 27 settembre 2016

Un film giapponese fa storia divenendo la prima animazione non opera del leggendario Studio Ghibli ad incamerare più di 10 miliardi di yen (98 milioni di dollari) in un mese. Ma cosa esattamente ha attirato le folle?makoto-shinkai-the-garden-of-words1. Si tratta di un fantasy sullo scambio dei corpi
Il tuo nome, noto anche come Kimi no Nawa in giapponese, è un fantasy sullo scambio di corpi incentrato su due adolescenti. Basato su un romanzo che racconta la storia di Mitsuha, liceale in una cittadina rurale giapponese, e Taki, liceale di Tokyo. Mitsuha inizia a sognare se stessa da maschio e Taki si vede attraverso gli occhi di una studentessa in campagna. Il resto del film esplora il loro scambio e la storia comprende viaggi nel tempo e comete catastrofiche.
2. Riprende lo scambio ragazzo-ragazza dei vecchi racconti giapponesi
Il regista Makoto Shinkai dice di essersi ispirato a un racconto classico giapponese del 12° secolo, Torikaebaya Monogatari, che parla di due fratelli, dove il ragazzo viene allevato come una ragazza e la ragazza cresciuta come un ragazzo a causa della loro personalità. E da lì a racconti più recenti. Tenkousei è un film giapponese del 1982 su un ragazzo e una ragazza che si scambiano i corpi dopo essere caduti dalle scale di un tempio. Un padre e la figlia si scambiano i corpi nella fiction del 2007 Papa to Musume no sega Nanokakan.
3. Cattura la malinconia del sogno adolescenziale
Tocca temi universali come la maggiore età, l’adolescenza e la lotta per affermare la propria identità in un mondo confuso. Ne Il tuo nome i personaggi si svegliano dal sogno dell’altro dove il confine tra realtà e sogno sfuma continuamente. Su questo aspetto del film, Shinkai dice di essere stato influenzato da una famosa poesia giapponese dal titolo Yume to Shiriseba, dove si legge:
Mi chiedo se è apparso in sogno, perché mi sono addormentato pensando a lui.
Non mi sarei svegliato se avessi saputo che era un sogno”.
Questo momento di malinconia nel dormiveglia dopo il sogno è la sensazione che Shinkai sembra abbia raggiunto nel film.
4. E’ il ricordo del terremoto che ha cambiato la nazione
Si basa anche sull’esperienza del Giappone dopo il terremoto del 2011, il più potente che abbia mai colpito il Giappone, causando 16000 vittime. Ampiamente indicato come 3.11, Shinkai ha detto alla rivista Diamond che aveva cambiato non solo lui, ma tutta la società giapponese. Il film stesso è oscurato dalla minaccia di un disastro naturale. Shinkai ha detto che nel film riflette il sentimento che molti, compreso lui stesso, condividono, che un disastro potrebbe colpire in qualsiasi momento. “Non potrà mai sapere quando Tokyo potrebbe finire così“, dice Taki a un certo punto. “Ci vogliono cinque anni per digerire l’esperienza scioccante e sublimarla nell’arte“, riflette un utente Twitter, Yoshinaga Tastuki.
5. I fan compiono pellegrinaggi nei luoghi particolari e suggestivi
Il film è stato apprezzato anche per la bella grafica, spesso basata su luoghi reali. “Alla fine ho visto Il tuo nome. Storia, recitazione e musica erano tutti buoni, ma più di tutto mi ha travolto la bellezza delle immagini. Ogni taglio era incredibile“, ha detto un utente su Twitter. Altri utenti postano le immagini dei luoghi reali ripresi dal film, con i fan che li visitano, come nella città natale di Shinkai nella Prefettura di Nagano, nella prefettura di Gifu e anche a Tokyo. E il pubblico del film non si limita al solo Giappone. “Ogni dettaglio del film è stato accuratamente pensato e ripreso con tale precisione e passione“, ha detto il fan canadese Ismael Ramos alla BBC. “E’ un perfetto equilibrio di di arte, musica e narrazione“.
6. La speranza della prossima generazione dell’animazione giapponese
Un film di tale successo supera i confini e arriva al grande pubblico di giovani e appassionati di anime. Così Shinkai viene salutato da alcuni come il prossimo Hayao Miyazaki, il cui nome è quasi sinonimo di anime, accreditato per aver portato l’animazione giapponese al pubblico globale. Ha diretto successi premiati come La città incantata, La Principessa Mononoke (di Takahata. NdT) e il Castello errante di Howl lavorando allo Studio Ghibli, ognuno dei quali superò la soglia dei 10 miliardi di yen. “Shinkai è a suo modo al livello di Miyazaki, con Kimi no Na wa“, ha detto un utente Twitter. Altri hanno una visione leggermente diversa. “Penso che Miyazaki e Shinkai in realtà abbiano stili molto diversi, anche se sono altrettanto potenti“, ha detto Ramos. “Quello che hanno in comune è la capacità di far viaggiare il pubblico attraverso un’esperienza, che credo sia l’obiettivo finale di ogni artista“. E se credete l’imitazione sia la più alta forma di adulazione, il film è già stato ripreso in un mini film horror, uno spin-off dei fan.kimi-no-na-wa-your-name-1200x800

Il film anime ‘Il tuo nome’ travolge il Giappone

Japan Today 26 settembre 2016yourname-1Il film d’animazione “il tuo nome” sta travolgendo il Giappone, con le entrate al botteghino che superano la soglia dei 10 miliardi di yen (99 milioni di dollari), a soli 28 giorni dall’uscita, segnando una pietra miliare dell’animazione giapponese oltre le opere famose del regista Hayao Miyazaki. Il grande successo di Makoto Shinkai sulla storia fantastica di due adolescenti che si scambiano i corpi, è iniziato nei cinema il 26 agosto, attirando 7,74 milioni di persone e folle di fan che corrono a visitare i luoghi presenti nel film. Ora è il film giapponese col nono incasso più alto, l’unica animazione giapponese a superare i 10 miliardi di yen d’incasso escluse le opere di Miyazaki. Miyazaki, le cui opere sono state dei grandi successi in Giappone e all’estero, e che ha prodotto un film premiato come “La città incantata”, aveva detto nel 2013 che andava in pensione. Ora ha 75 anni. Spinto dalla popolarità del suo ultimo film, Shinkai, che s’è già fatto un nome nell’industria dell’animazione giapponese, viene propagandato come il successore di Miyazaki.
La storia descrive lo strano scambio di genere tra una liceale che vive in campagna e un liceale di Tokyo, durante i loro sogni, mentre i loro destini s’intrecciano durante il passaggio di una cometa millenaria. Una delle attrazioni del film è la bella fotografia attenta all’uso della luce. La storia, basata su un romanzo di Shinkai che ha venduto più di 1 milione di copie, riprende molti luoghi della vita reale come la città natale di Shinkai nella Prefettura di Nagano, nel Giappone centrale, presso la Prefettura di Gifu e a Tokyo. Illustrando l’attrattiva del film, molti hanno visitato questo mese una delle località del film, presso un santuario shintoista a Tokyo, Shinjuku, scattando foto durante un giorno feriale. Tra loro vi era Yasuko Nakamura, studente universitario di Tokyo, che ha chiacchierato con la sua amica nel punto in cui i sentieri dell’eroe e dell’eroina s’incrociano. “Esiste davvero“, rifletteva. Yurika Aoki, altro visitatore, ha detto che di solito non guarda gli anime, tranne i film Disney, ma era incoraggiato a guardare “Il tuo nome” sul grande schermo, per le ottime recensioni. “Vi sono molti commenti sui social media che lodano il film come ‘impressionante’”, ha detto Aoki.
Quattro canzoni popolari della rock band giapponese Radwimps, presenti nel film, ne hanno incrementato la popolarità. Yoshiteru Mahata, studente universitario di Sendai, Prefettura di Miyagi, nel nord-est del Giappone, ha detto che ha visto il film “grazie al passaparola e alle canzoni dei Radwimps“. Ma la crescente popolarità del film ha anche spronato il personale di produzione del film a sollecitare i fan ad avere un comportamento attento durante la visita dei luoghi presenti nel film, date le lamentele sul loro atteggiamento. Dal suo debutto nel 2002 con una breve animazione autoprodotta, Shinkai ha ampliato i fan nei film successivi, come “Oltre le nuvole, il luogo promesso” e “5 centimetri al secondo”. Shinkai, i cui personaggi principali dei film sono per lo più adolescenti, ha detto che vuole entrare in contatto con questo particolare pubblico. “Sono molti che si sentono in difficoltà se le loro vite ruotano soltanto su scuola e casa, motivo per cui leggono manga o romanzi e giocano ai videogiochi. Voglio creare per le giovani generazioni che hanno seriamente bisogno di storie del genere“, ha detto.
Prodotto dalla grande azienda cinematografica giapponese Toho Co., “Il tuo nome” ha moltiplicato per 10 il numero di spettatori al cinema rispetto all’opera precedente, “Il Giardino delle Parole” del 2013.

Svelato lo staff di La vendetta di Masamune-kun

Mirai Minato dirige, e Silver Link anima, una commedia su un ragazzo che mira a vendicarsi della ragazza che l’ha reso vittima di bullismo
ANN 23/09/2016

masumunesrevenge-imgIl sito ufficiale dell’anime TV del manga di Hazuki Takeoka e Tiv, La vendetta di Masamune-kun (Masamune-kun no Revenge), ha rivelato il cast, il visual e la data della prima TV. L’anime sarà presentato in anteprima a gennaio su Tokyo MX , AT-X e BS Fuji.
Mirai Minato (Fate/Kaleid Liner Prisma Illya) dirige la serie della Silver Link. Michiko Yokote (Shirobako, Relife, Dagashi Kashi) supervisiona gli script della serie assieme a Kento Shimoyama (Binbogami ga!, Servant×Service, Shomin Sample). Yuki Sawairi (regista dell’animazione di Yuri Kuma Arashi e Girl Friend BETA) disegna i personaggi dell’animazione. Toshiki Kameyama (Kan Colle, Kiznaiver) si occupa della regia del suono. Lantis sarebbe il produttore musicale.
Seven Seas Entertainment ha concesso in licenza il manga per il Nord America, descrivendone la storia: “Come un bambino in sovrappeso, Makabe Masamune, viene spietatamente preso in giro e fatto oggetto di bullismo da una certa ragazza, Adagaki Aki. Determinato a vendicarsi un giorno, Makabe inizia un rigoroso regime di auto-miglioramento e trasformazione personale. Anni dopo, Masamune appare un uomo nuovo. Bello, popolare, dai voti perfetti e bravo negli sport, trasferendosi a scuola di Aki, Masamune-kun è irriconoscibile. Ora, Masamune-kun è pronto ad affrontare la ragazza che lo tiranneggiava tanti anni prima ed umiliarla, finalmente. Ma la vendetta sarà dolce come pensa?
Lo scrittore Takeoka e l’artista coreana Tiv (del manga Heaven’s Memo Pad) ha lanciato la serie presso il mensile della Ichijinsha Rex Comic nel 2012. Ichijinsha ha pubblicato il settimo volume del manga in Giappone il 27 giugno e Seven Seas il secondo volume del manga in inglese, il 13 settembre.

visualFonte: Anime NOW (Sarah Nelkin)

Il film di di Makoto Shinkai ‘Il Tuo Nome’, incassa 6,2 miliardi di yen, Top Box Office per la terza settimana

ANN 12/09/2016
Il Film ha venduto 4,81 milioni di biglietti, superando le proiezioni della TOHOa18171-2027952771-1458839140Il sito cinefilo giapponese Kogyo Tsushinsha ha riferito che Il Tuo Nome (Kimi no Nawa), l’anime film di Makoto Shinkai, ha incassato 6,2 miliardi di yen (circa 60 milioni di euro) vendendo 4,81 milioni di biglietti in 17 giornate in sala. Il film era al vertice del botteghino giapponese il 10-11 settembre; per la terza volta consecutiva Primo in classifica. Il film ha superato le proiezioni del distributore TOHO per 6 miliardi di yen d’incasso. Il film aveva incassato 3,8 miliardi di yen (circa 36 milioni di euro) il 4 settembre, 10 giorni dopo la prima del 26 agosto. Il film ha avuto la prima mondiale il 3 luglio a Los Angeles, durante l’Anime Expo, e si previde venga distribuito in 85 paesi.
Il film da “storia di miracoli e amore” ruota su Mitsuha e Taki. Mitsuha è una liceale di una scuola superiore femminile che vive in una cittadina rurale immersa tra le montagne. Suo padre è il sindaco e non c’è mai a casa; vive con la sorellina che va alle elementari e la nonna. Mitsuha ha una personalità onesta, ma non gradisce i costumi scintoisti della famiglia, né come suo padre partecipi alle elezioni. Si lamenta di vivere in una cittadina rurale isolata ed anela al meraviglioso stile di vita di Tokyo. Taki è un liceale che vive a Tokyo. Passa il tempo con gli amici, lavora part-time in un ristorante italiano e s’interessa di architettura e belle arti. Un giorno, Mitsuha sogna di essere un ragazzo. E Taki sogna di essere una studentessa nel liceo femminile in un Paese montano che non ha mai visitato. Qual è il segreto dei loro sogni dall’esperienza personale?
Shinkai ha anche scritto la sceneggiatura del film. Masashi Ando (Spirited Away, Quando c’era Marnie, Paprika) è il direttore dell’animazione e Masayoshi Tanaka (AnoHana, L’inno del Cuore, Toradora!) ha disegnato i personaggi. CoMix Wave Inc. anima la pellicola. Shinkai ha pubblicato il romanzo originale che ha ispirato il film il 18 giugno. Il libro è stato classificatosi primo tascabile dall’Oricon, per la settimana del 22-28 agosto, dopo aver venduto 74000 copie, ed ha venduto altre 112000 copie nella seconda settimana al vertice della classifica. Altri libri correlati, come romanzi spin-off, libri sulla produzione e precedenti novel basate su altre opere di Shinkai, sono avanzati nella classifica Oricon della settimana scorsa.

Fonte: sito Mantan del Mainichi Shimbun

Queste illustrazioni vi faranno venire voglia di visitare il Giappone questa estate (o la prossima)

Natsumi Ito, DozoDomo, 22 luglio 2016

L’estate in Giappone, come altrove, è la stagione delle vacanze e degli amori che le accompagnano. Periodo in cui i turisti sono particolarmente numerosi, ma anche stagione in cui fa molto caldo, umido e le zanzare sono voraci. Non importa! Per i giapponesi è soprattutto l’occasione per celebrare molti matsuri, ammirando i fuochi d’artificio vestiti col più bella yukata. In breve, la stagione adorata da tutti. DozoDomo ha compilato una selezione di illustrazioni molto estive che, si spera, facciano venir voglia di scoprire il Giappone a luglio e agosto.
Le immagini sono state condivise molte volte, e se si desidera scaricarne ad alta risoluzione, si vada su questo sito giapponese.

3000x2530xd58514216b491538453156588x800x85b6f89b41cae26786ac7236640x960xe89666feb714ab9c3946f28f640x1136xd97a40b18856210710d86dd800x578xea30d07c62a62d002dd9570f1151x1544xfed1da6da79ca8f0cba2aa703x992x129e458698c4745a32d445821280x960x5aa7f8f71a707262ac6659c0517natsu_0009640x960xbaaf94542a40d7deb9a8a917800x1301xe47f1edd5ca04227b115fe4900x1273xb241da9913cc47a13520f34480x640x7c28287428352cae25a83c141000x750xf8e4cdcbefdac58c93db494700x980xdb3a17f7bcac837ecc1fe2bc637x900x72eec5023144990dc4b80e31640x960x15a7bfcf08d4a38fad6d798e640x960x2f1260d0365e4b9f93f3493b1024x768xfe5df232cafa4c4e0f1a029

Critica a The Perfect Insider

Xenomas, Anime-kun 11 dicembre 2015maxresdefaultBasato su un romanzo del genialissimo Hiroshi Mori, abbiamo qui un anime dalla qualità raramente raggiunta!
Ci sono opere la cui qualità non va dimostrata, la cui magnificenza ci afferra, portandoci nell’abisso estatico illimitato, da cui è difficile districarsi e di cui non ci si vuole liberare! Subete Ga F ni Naru è uno di quei capolavori che meritano d’essere inclusi nel pantheon delle creazioni umane, tra le più belle creazioni dei nostri artisti più impegnati. L’incipit è sicuramente interessante, ma non necessariamente auspica l’eccezionale. Una storia banale su un amore non corrisposto vira nel massacro? La sopravvivenza a una serie di omicidi? Enigma, indagini, come Kin Daichi? Che nenia!
La storia ruota intorno a tre personaggi: il professor Souhei Saikawa, lucido, taciturno quasi disinteressato al mondo; Moe Nishinosono vigorosa, capricciosa, amante dalla notevole intelligenza e, infine, il genio enigmatico Magata Shiki che ha fatto avanzare molti campi scientifici, bella e misteriosa che nessuno ha incontrato di persona da oltre 15 anni. Con i tre personaggi Hiroshi Mori ci mostra un quadro costantemente inquietante, mistico, spaventoso. Una singola indagine è seguita per tutto l’anime, nessun tempo morto con una suspense che si rinnova alla fine di ogni episodio. L’indagine principale è costellata da una serie di piccoli enigmi che si presentano attraverso le domande che i protagonisti si pongono, e che potrebbero essere risolti se ci s’impegna con tutto il cuore a risolvere. Il bello è che è perfettamente possibile nella misura in cui la maggior parte degli indizi vengono distillati prima della soluzione. Gli indizi sono ben evidenziati in diverse forme, con flashback non affatto invadenti che ci permettono di capire meglio le motivazioni dei personaggi, immergendoci nelle profondità di questo universo straordinariamente coerente. La coerenza che dobbiamo soprattutto alla psicologia dei personaggi, che scopriamo nel corso degli episodi, e non volendo dire troppo per paura di rovinare il divertimento, non sarò esaustivo. Tuttavia, posso ancora dire che troviamo qui i temi dell’abbandono, della morte, della vita e dell’amore trattati con profondità e una certa forma di violenza. Hiroshi scopre un’oscura vicenda spingendoci a dare un altro sguardo su molte situazioni che le norme sociali ci spingono, a torto o a ragione, a condannare.
La colonna sonora non è esclusa, il nostro viaggio in questo mondo fantasmagorico è scosso dalle belle composizioni firmate da Kenji Kawai che ha lavorato soprattutto su World Trigger e Fate/Stay night: Unlimited Blade Works con ottime sigle d’apertura e di chiusura rispettivamente “parlate” da KAN-BOON e Nana Hitsuji (ナ ナ ヒ ツ ジ) di Scenarioart, semplicemente belle e che non mi stanco di sentire. L’animazione è quanto di degno per un Seinen come questo. Senza la valanga di effetti speciali e un tono in perfetta armonia con l’argomento. Posso dire lo stesso del design dei personaggi, sobrio e realistico, in omogeneità matura e perfetta con tutta l’opera. Infine, devo ammettere che sono stato radicalmente segnato dalla sincerità di questa storia e dalla precisione del suo adattamento. Il mondo dell’animazione giapponese è vasto e in continua espansione, e va bene di tanto in tempo incappare su opere di tale qualità che arricchiscono la nostra cultura ed espandono un po’ di più la nostra percezione della realtà.perfin_2_4

Lamù compie 35 anni: 10 cose che (forse) non sapevi sull’aliena dal costume tigrato

Valentina Ariete, Movieplayer 19 marzo 2016

35 anni fa esordiva l’anime di Lamù, cartone animato ispirato al manga di Rumiko Takahashi: scopriamo dieci curiosità sull’aliena più sexy della storia, vestita soltanto di un bikini tigrato, che ha fatto sognare migliaia di ragazzini e prodotto altrettante cosplayer.10154353Capelli dai riflessi verdi, corpo mozzafiato coperto solo da un bikini tigrato e delle piccole corna a testimonianza della provenienza extraterrestre: Lamù, protagonista del fumetto Urusei Yatsura, noto in Italia con il titolo di Lamù, la ragazza dello spazio, è sicuramente uno degli alieni (si contende il titolo con il David Bowie di L’uomo che cadde sulla Terra e con la Scarlett Johansson di Under the Skin) più sexy mai visti in un’opera audiovisiva, con quelle curve perfette e il viso malizioso, diventate un’immagine su cui sognare per gli adolescenti e un’icona per le cosplayer di diverse generazioni, assurta a modello di “cosplay sexy” per eccellenza, insieme a quello della principessa Leila di Star Wars in versione schiava.
Arrivata nella fittizia città giapponese di Tomobiki, Lamù è la figlia del capo degli Oni, alieni decisi a conquistare la Terra, che rende la vita impossibile ad Ataru Moroboshi, liceale incaricato di salvare il destino degli esseri umani: il ragazzo, per salvare il pianeta dagli invasori, deve riuscire a toccare le piccole corna di Lamù entro dieci giorni, impresa non facile visto che la ragazza è in grado di volare. Creato nel 1978 da Rumiko Takahashi, autrice di altri manga cult come Cara Dolce Kyoko, Ranma 1/2 e Inuyasha, il fumetto è diventato presto una serie animata: il 14 ottobre 1981 Lamù veniva trasmesso per la prima volta sulla tv giapponese, per un totale di 195 episodi, arricchiti da 12 OAV (Original Anime Video, opere d’animazione giapponese destinate direttamente al mercato home video) e 6 film.
Trasmessa in Italia a partire dal 1983, Lamù anche da noi è diventato uno dei personaggi giapponesi più amati, ancora oggi citato a ogni fiera del fumetto. In occasione dei primi 35 anni dell’anime dedicato a Lamù, scopriamo 10 curiosità sull’aliena creata da Rumiko Takahashi.lamu_e_ataru san valentino1. L’autrice Rumiko Takahashi è soprannominata “la regina dei manga”
L’autrice di Lamù è Rumiko Takashi, creatrice anche dei successi Maison Ikkoku (noto in Italia con il titolo di Cara dolce Kyoko), Ranma 1/2 e Inuyasha, una delle mangaka più note e amate in Giappone, tanto da meritarsi il soprannome di “regina dei manga”.K4yP51x2. Lamù ha vinto il Premio Shogakukan per i manga in due categorie
Nel 1981 Lamù ha vinto il prestigioso Premio Shogakukan per i manga – che assegna ogni anno quattro premi al miglior Kodomo (opera per bambini), miglior Shōnen (opera per ragazzi), miglior Shōjo (opera per ragazze) e miglior fumetto dell’anno – in due categorie, sia Shōnen che Shōjo.1987533. Il titolo originale è un gioco di parole
Il titolo originale del fumetto è うる星やつら Urusei Yatsura, un gioco di parole che si può tradurre sia come “gente chiassosa”, sia come “gli abitanti della stella Uru”: la parola yatsura significa infatti gente e urusei in forma colloquiale vuol dire chiassoso, ma, essendo scritta con il kanji sei (星), che significa stella o pianeta, si può tradurre anche con il secondo significato.101682254. A Tokyo è stata dedicata una statua a Lamù
Il 4 aprile del 2015 a Tokyo, presso la stazione Oizumi-gakuen della linea della metropolitana Seibu Ikebukuro di Nerima, quartiere dove sorgono le sedi di diversi studi di animazione, tra cui la celebre Toei, sono state poste delle statue in bronzo in onore di alcuni dei personaggi più famosi dei manga, tra cui una dedicata proprio a Lamù. Le altre statue ritraggono Astro Boy, Joe Yabuki di Rocky Joe e Tetsuro e Maetel di Galaxy Express 999.estatua-lamu-nerima5. Gli ammiratori di Lamù nel manga non hanno molto spazio
Nel manga “gli ammiratori di Lamù” (in originale chiamati “gli Stormtrooper di Lamù”) compaiono soltanto nei primi due volumi per poi sparire, mentre nell’anime Megane, Perma, Kakugari e Chibi sono una presenza fissa, arrivando perfino a picchiare Ataru ogni volta che si avvicina a Lamù.Lamù_Stormtroopers6. Ten nell’anime è diventato un personaggio importante
Ten, il cugino di Lamù, nel manga appare solo nel settimo volume, mentre nell’anime, visto che sulla carta stampata era diventato uno dei personaggi più amati delle serie, viene introdotto già nel terzo episodio per diventare uno dei protagonisti: molte storie del fumetto sono state riscritte proprio per includere Ten.Kev0467. Nell’anime sono citati moltissimi eroi dei fumetti giapponesi
Lamù è una miniera di citazioni, sia della cultura nipponica sia di miti e leggende giapponesi. Particolarmente presenti sono i riferimenti ad altri classici dei fumetti: nell’anime vengono infatti citate icone come L‘Uomo Tigre (nell’episodio numero 42, il costume con la maschera di tigre appare in uno degli armadietti della palestra), Lady Oscar (episodio 65), Mazinga (episodio 72), Creamy (episodio 82, Creamy compare tra i bagnanti di una spiaggia), Ken il guerriero (episodio 158, in cui un compagno di classe del protagonista è identico a Kenshiro e ha lo stesso cognome) e tanti altri.1-Lamù-Rocky-Joe-Episodio-66-Quei-gatti-sui-tetti-che-scottano-18. Star Wars è citato più volte
La saga originale di Star Wars è citata più volte nell’anime, soprattutto dagli ammiratori di Lamù, che non a caso si chiamano “gli Stormtrooper di Lamù”: nell’episodio numero 89 i quattro cadono in un delirio collettivo in cui immaginano di essere i protagonisti di Il ritorno dello Jedi, citando perfino la celebre battuta “it’s a trap!” (è una trappola) dell’ammiraglio Ackbar. Inoltre in un episodio e nel secondo film dedicato a Lamù appare Darth Vader in persona.008_jpg_1003x0_crop_q859. I crossover tra Lamù e Maison Ikkoku
Rumiko Takahashi si è divertita a far incontrare due delle sue creature più amate: nell’episodio numero 195 di Lamù compaiono Godai e Kyoko, i protagonisti di Cara dolce Kyoko, mentre nella puntata numero 15 di Cara dolce Kyoko appaiono, per ricambiare il favore, Lamù e Ran.009_jpg_351x0_crop_q8510. La misteriosa sigla italiana
La versione italiana di Lamù è protagonista di un mistero particolare: la prima sigla del cartone, trasmessa in tv fino alla fine degli anni ’90, è costituita da un brano di cui non si conoscono né ii titolo, né gli autori, né gli interpreti. Su internet la sigla misteriosa in versione ufficiale non si trova, è possibile reperire soltanto dei montaggi amatoriali realizzati da fan. Dal 1999 la sigla ufficiale è diventata “Mi hai rapito il cuore, Lamù” di Stefano Bersola.

224481

‘Yo-Kai Watch’ batte ‘Star Wars’ al box office in Giappone

Giovanni Fazio The Japan Times 6 gennaio 2016

Il 2015 si è chiuso con “Star Wars: Episodio VII” sulla bocca di tutti, con fan in costume campeggiare per comprarne i biglietti, con una presenza sui social media più grande di Jabba the Hutt. Eppure, nonostante batta tutti i record di incassi nel weekend di apertura negli Stati Uniti, il nuovo “Star Wars” s’è classificato solo secondo in Giappone (con oltre 800000 spettatori), battuto da “Yo-Kai Warch The Movie 2: Re Enma e le 5 Storie, Nyan!” con quasi 1 milione di spettatori. Una settimana dopo, questa versione a buon mercato per il grande schermo di un cartone animato giapponese per bambini, nato da un videogioco per la Nintendo, scacciava lo Jedi. Così sembra che gli anime dominino di nuovo il box office nazionale. Un rapido sguardo ai film dal massimo incasso in Giappone, nel 2015, rivela che 6 su 10 erano film animati (3 nazionali), e gli anime hanno vinto il box-office per 20 settimane con film come “Big Hero 6” e “Bakemono no Ko” (“Il ragazzo e la Bestia”) battendo concorrenze come “Lo Hobbit: La Battaglia dei Cinque Eserciti” e “Terminator: Genisys“. Poi di nuovo, il prima fine settimana in Giappone si basa sempre sulle cifre di sabato-domenica, ed anche includendo il venerdì per “Star Wars“, il film viene battuto da “Yokai Watch” con un buon margine. La forza infine ha prevalso e su tre settimane “Star Wars” è il numero 1. Va notato però che, nonostante l’ingrigimento del Giappone, i cinema hanno performance migliori con film destinati esattamente al mercato pre-teen; “American Sniper” è stato un raro colpo, nel 2015, guidato dal pubblico dei 50enni.

Svelato l’anime Dagashi Kashi

Haruhi-chan 26 settembre 2015

L’ultimo numero della rivista Weekly Shonen Sunday della Shogakukan ha rivelato una nuova immagine del prossimo adattamento anime del manga di Kotoyama, Dagashi Kashi.Dagashi-Kashi-Anime-Visual-RevealedL’adattamento anime del manga di Kotoyama Dagashi Kashi è stato rivelato nel numero 43 della rivista Weekly Shonen Sunday della Shogakukan. Ulteriori informazioni riguardanti l’adattamento anime saranno rivelati successivamente.Dagashi-Kashi-Anime-Adaptation-AnnouncedDagashi Kashi è scritto e illustrato da Kotoyama, ed la serie è iniziata sul Weekly Shonen Sunday nel giugno 2014. Il manga è attualmente in corso, con due volumi pubblicati.

Sinossi di Dagashi Kashi da Haruhichan:
Il padre di Shikada Kokonotsu è proprietario di un negozio di dolci in campagna, e prevede che Kokonotsu ne prenda il posto un giorno. Tuttavia Kokonotsu vuole essere autrice di manga, invece! Un giorno d’estate, la carina ma strana Shidare Hotaru, di una famosa ditta dolciaria, fa una visita. A quanto pare, il padre di Kokonotsu è famoso e vuole che si unisca all’azienda della sua famiglia. Tuttavia, sarà d’accordo solo se convincerà Kokonotsu a prendere in consegna l’attività familiare!

L’adattamento anime di Dagashi Kashi è attualmente in produzione. Maggiori dettagli saranno svelati nei prossimi numeri di Weekly Shonen Sunday.
È possibile visitare il sito della manga qui.

Fonte: Otakomu