Nuovo trailer di “Girls und Panzer: Saishuushou”

Diffuso assieme all’immagine promozionale il nuovo trailer del secondo lungometraggio “Girls und Panzer das Finale” (Girls und Panzer: Saishuushou), che uscirà in Giappone il 15 giugno 2019.
L’evento cinematografico che si compone di sei parti, concludendo la vicenda delle “Girls und Panzer”, debuttava con la prima pellicola il 9 dicembre 2017.

Advertisements

Girls Und Panzer Saishuushou (Sub ITA)

Girls Und Panzer Saishuushou (Sub ITA)

Konpeki no Kantai

Konpeki no Kantai (1993)
Serie OAV
Genere: Guerra Politica Storico
Episodi: 32
Stato in Italia: inedito

Trama: L’opera affronta una riscrittura della Seconda Guerra Mondiale. L’ammiraglio Yamamoto Isoroku, al momento della sua morte (il 18 aprile 1943), si ritrova in circostanze misteriose catapultato indietro nel tempo, nel 1939. Insieme al tenente-generale dell’esercito imperiale Yasaburo Otaka, dà il via ad un massiccio riarmo navale del Giappone che cambierà le sorti della guerra.

Konpeki no Kantai (OAV) (1993 – 2003)
Genres: science fiction
Themes: historical fiction, military
Number of episodes: 32 (40 minutes per episode)

Plot Summary: An alternate retelling of the Pacific War during World War II, with Admiral Isoroku Yamamoto leading Japan to victory against USA.
ANN

Kyokujitsu no Kantai (Spin Off) (1997 – 2002)
Genres: science fiction
Themes: military
Number of episodes: 15
ANN

All episodes (Raw): Scarica Qui

 

Konpeki no Kantai, or Deep Blue Fleet
Sufficient Velocity

kinopoisk.ru

With the current popularity, by my perception, of WW2 and military works in Japan especially naval related, I was reminded of a 1990s manga, book, game and anime series in Japan called Konpeki no Kantai. It’s a fairly obscure work, and never had official English translations, but various translations are going around online. Some seem rather trolling descriptions and dubious quality, like having ‘a realistic analysis of war’ as a description despite the series seeming almost like clear parody at times to me.
It follows a somewhat popular scenario, portraying Yamamoto as good, wise, honorable leader who can motivate his nation well. It seems like a popular scenario much like the Alexander the Great conquerors the world for Greek literature; Rome never falls idea; ‘Confederates win the Civil War’ is popular for Americans, and not just white supremacists; America winning the War of 1812 and conquering Canada popular with nationalists, Britain keeping the Empire with one grand battle against united enemies and/or convincing the people of superior British leadership.
This series is similar in ways to these alternate histories. The divergence point is 1905. It’s a pulp adventure type story. No horror, just victory and excitement.
As Yamamoto dies in 1943 as his plane is shot down, but as he dies he is sent back in time. In 1905 he decides to change history with his knowledge of the future tactics, history and technology.
First, he removes the Japanese army and its leadership. Yamamoto nearly dies in the process, but he is victorious and his faction succeeds. This is portrayed as purging Japan of its potential future war crimes.
Yamamoto then solidifies his control over the remains of the civilian government and emperor, bringing about a just and peaceful government. He essentially launches a coup and solidifies the junta.
The Japanese then begin to liberate Asian nations from western colonialism.
Then, the Japanese honorably attack Pearl Harbor, giving a warning clearly in advance, and then proceeding the destroy every trace of American military presence on the island and invading it successfully with few loses. The Japanese then liberate Hawaii from American imperialism, and the grateful Hawaiians willingly join the Japanese and aid them by allowing them to establish Hawaii as a Japanese fort.
The remaining American military force sails to Pearl Harbor, but is destroyed by a single shot from a powerful new technology, Japanese heat based weapon. A pulp fiction death ray.
The Americans attempt to retaliate in the Doolittle Raid, but the Japanese long range radar detects the force in the distance and scrambles the Sourai, a new high altitude, high speed plane, the ultimate aircraft personally designed by Yamamoto which destroys the force. Japanese naval special forces marines deploy from I-900 and I-1000 type submarines and skillfully overwhelm the western forces on various Pacific islands. The submarines are nuclear powered, because the Japanese vow never to use something as cowardly as nuclear weapons and instead use the submarines as self defense instruments, to protect themselves and to protect helpless other people of the world.
They also deploy Mark 60 CAPTOR torpedo mines (a real life 1980 design) to sink additional western allies forces. Then a B-32 raid occurs here, and actually damages Japanese ships with gun strafe before being destroyed by the death ray weapons on the Japanese ships. One of the B-32 had its crew killed by a near miss and the plane crashes intact, is captured, and reverse engineered and improved.
The Japanese then launch two attacks against the Panama Canal, the first disabling it, and the second destroying it completely, while minimizing collateral damage on innocent Panama citizens and being careful to target just the militant American forces. Then they launch a carrier strike against the Manhattan Project bases, destroying them as well.
Albert Einstein is at this point shown working for the Japanese, who has joined them because of Japanese benevolence and because Japan promised him that they would make him a Jewish nation like Israel in Asia.
Japanese forces then launch a raid against mainland America with their skilled commando forces, liberating the Japanese in internment camps unjustly kept prisoner.
The battleship Yamato also survives many engagements and is given many chances for glory, and takes them wiping out dozens of ships and entire fleets by itself and without support.
Then the Nazi Germans betray the Japanese! The Japanese however are ready, and launch an air strike on the Nazi arctic nuclear weapons base. On the way there, the Japanese see a formation of hundreds of British aircraft in the distance being destroyed by only a dozen Nazi super planes. The super planes destroy all the allied aircraft without losses and chase the Japanese aircraft, but the Japanese bombers manage to shoot down some of the planes before the Japanese reveal that they can actually outrun the super planes.
The British at this point ally with the Japanese.
A German super ship, the U-3000 sinks a Japanese naval force, but is then captured by a Japanese super submarine the size of a skyscraper, which captures the German submarine intact by surfacing underneath the German sub, leaving the German sub helpless out of the water.
The Americans are devious and racist, and unable to comprehend how the Japanese have this technology. FDR dies from stress and Truman is appointed as the new leader, who is both insecure, and arrogant in American power. They are also much more unstable then Japan because they are a multi-ethnic nation. Truman eventually realizes that the Americans have a misplaced sense of justice compared to the true justice of the Japanese, and surrenders.
The Americans try one last underhanded trick by having spies try to assassinate key Japanese officials. The Japanese officials actually try to negotiate with the spies, but the unreasonable and dishonorable spies refuse to listen to the pleas for friendship. All looks lost, but the spies are stopped by a Japanese actress who is really a super spy, and apparently actually existed in real life.
Then Truman is then overthrown when Eisenhower and MacArthur collaborate and launch a coup.
While some might think a coup into a military dictatorship might be bad, the series portrays it as a good thing and the new leaders are much more reasonable.
The Soviet Union surrenders to Germany, and Stalin is implied to have died.
Leon Trotsky establishes a free Republic in Asia with the help of the Japanese, as does Rommel.
The remainder of the story is the Japanese fighting the Nazi forces and the Nazi allied Argentina, the Japanese stop Operation Sealion from invading the British islands with their carrier force and new super carriers. They drive the Germans out of Africa, the Middle East, and Indian with their Type 61 tanks (a real life design), multi-role attack and transport helicopters, and PGM missiles.
Also fictional inventions are shown off, usually as descriptions with lots of zeroes behind it, like super ship 9000 which has the ability to shoot down incoming shells and torpedoes, and perform high speed dodges with maneuvering thrusters and reaction control systems that allow it to rapidly change direction while conserving speed.
American and British forces occasionally also help the Japanese too in this fic, with the Americans having rejoined the war after Germany destroys Washington with an attack from the sea.
The series is deliciously pulp and hilarious.

Yojo Senki: Saga di Tanya il Diavolo – Egoismo contro narcisismo. Chi vincerà?

Recensione dell’anime Yojo Senki: Saga di Tanya il Diavolo di Pitucho del 4 aprile 2017 – Anime-kunIl cattivo sei tu, io, lui, lei, tutti! Non fate gli innocentini! Amate questi anime in cui un personaggio malvagio fa ogni genere di cose, le meno comuni e più esecrabili, per raggiungere i suoi scopi. Non importa se è “buono” o “cattivo”, da quando s’impone, tutti sono contenti. Di cosa sto parlando? Youjo Senki adattato dallo studio che fa i primi passi, chiamato NuT, e ripreso da un romanzo scritto da Carlo Zen. E no, non si tratta dell’ammiraglio veneziano dei secoli XIV e XV, ma di un nostro contemporaneo. Attenzione, comunque, il nome dell’autore non mi sembra, se giudico l’anime, essere prodotto del caso. Ma di cosa si sta parlando? Una ragazza di nome Tanya che fa carriera nell’esercito. Cerca di arrampicarsi ai vertici per vivere in posti confortevoli, lontano dai pericoli del fronte. Il mondo in cui vive è scosso da una guerra che corrisponde vagamente alla Prima guerra mondiale. È un mondo fantastico e non ucronico, anche se la storia sembra divertirsi con nomi e riferimenti che ci mettono la pulce nell’orecchio. Non c’era niente del genere vedendo evoluire battaglie aeree con fucili magici. Non siamo assolutamente nello stesso contesto dopo questa osservazione, ma tutto ciò può essere molto bello. Ma non finisce qui! Se fosse solo questo, niente di nuovo. La ragazza è in realtà la reincarnazione di un impiegato giapponese! Sì, nientemeno. Un impiegato da ufficio, che si divertiva a licenziare altri dipendenti fino al giorno in cui una delle sue vittime lo spinse sotto il treno della metropolitana. Indovinate il resto. Da quel momento in poi, una strana entità, proclamandosi l’Onnipotente, gli appare e lo rimprovera per la sua mancanza di fede in Dio. Peggio di San Tommaso, non crede nemmeno a ciò che vede, e viene quindi lasciato in questo mondo sotto la nuova identità di Tanya Degurechaff.
La storia evolve attorno questo confronto. Da un lato, abbiamo l’umano che fa di tutto per rimanere in vita e avere successo, anche schiacciando e sacrificando gli altri mentre cerca di mantenere, ipocritamente, una buona immagine. Dall’altra parte, abbiamo un’entità misteriosa che è l’inquisitrice sulla fede degli uomini sulla sua stessa esistenza, che vale un premio nel mostrare così tanto narcisismo. Bravo, che coppia abbiamo qui! Dio contro il Diavolo direi, anche se entrambi sembrano il Male anche a me. O X contro il Diavolo, se sei ateo come Tanya. Scegliete il vostro campo, soldati! Ma sì, vedo che alcuni arrivano coi loro argomenti in gran fretta. Come ho fatto a guardare ciò che sembra una truffa a miglia di distanza? Per quanto l’illustri come una battuta di pesca, dandovi a prima vista ragione. La scommessa di Youjo Senki è catturarci come pesci all’amo giocando sulle caratteristiche della protagonista. Niente da mostrare in primo piano su un poster, l’espressione seria di una ragazza preadolescenziale, con gli occhi penetranti, è sufficiente ad attirare l’attenzione di un pesce affamato. Aggiungete poi nella storia altrettanto disturbata la personalità della ragazza che suscita l’irresistibile desiderio di dare un’occhiata… Solo per vedere qualcosa! Non si può mai sapere…
Così, con occhi stravolti si ha il coraggio di guardare con colpevole intento il primo episodio. Di fronte a un personaggio improbabile, ne beviamo le parole, osserviamo ciascuno dei suoi gesti e ci chiediamo costantemente perché e come. Concludendo tutto e dandoci soddisfazione, il gioco si basa sul momento fatidico in cui ci diletteremo nel vedere il sorriso malvagio apparirgli sul volto. Ciò è particolarmente apprezzato dal fatto che la personalità disturbata contrasta con l’aspetto adorabile da bambina, lasciando poi spazio all’aspetto demoniaco. E dannazione, funziona! Il pesce abbocca, viene preso, il pescatore lo tiene fermo e poi tira la lenza. Inoltre, nei seguenti episodi, il pesce vivrà quindi il brutto momento di testimoniare l’attitudine esecrabile del personaggio! Dei suoi atti sadici!! Dei suoi vili pensieri egoistici!!! Delle sue deformità facciali così benvenute!!!! Quest’ultimo è così ben illustrato dal pezzo finale di Youjo Senki. Che deliziosa! Il pesce vuole sempre di più. Prigioniero del destino disastroso, perde forza mentre pregusta ciò che crede essere la sua preda e si lascia trascinare fuori dall’acqua rendendosi conto troppo tardi di non essere il predatore. Mi hai preso NuT. Basta, andiamo!
Esagero forse le parole ma beh tutti sanno, da quando elogiai Cross Angel, che sono un personaggio terribile, che passa il tempo a guardare anime classificati H,in una stanza buia, con migliore compagno una scatola di Kleenex. È impossibile per una mente perversa come la mia pensare diversamente. Ad ogni modo, anche se le menti esperte sorridono a ciò che sembra l’ennesimo tentativo di derubarci, mi taglierò la mano se non sia, di gran lunga, l’unico ad esserne vittima. Quindi, non vergognatevi poveri diavoli! D’altra parte, è necessario chiarire il fatto che vi permetto di credere che Youjo Senki sia una brutta serie che prende in giro il mondo mentre la verità è un po’ diversa. È una serie gradevole. Lei certamente se ne frega dei vostri commenti, ma è comunque una serie piuttosto buona e potrebbe non essere come immaginate. Almeno, l’idea che mi sono fatto che riguarda solo me. Quindi, siate gentili, salvate le casse del giovane studio. L’ha fatto per questo. Cosa? Mi sono venduto? Nient’affatto, per niente.
Aspettate che vi attacco adesso. Credete veramente che il personaggio sia disturbato? O io? Non farete mai una frittata senza rompere le uova. Centra il punto qui e la, e non per la qualità della storia, perché qui si nota, ma per la nostra stima. La mia interpretazione vede un punto interessante nascondersi dietro questa personalità squilibrata. Non la vedo come semplice desiderio di mostrarci un concentrato di egoismo perché si esaurirà molto rapidamente. Vedo anche il desiderio di renderci consapevoli della realtà del suo comportamento ed è il genio dell’autore piuttosto che lo studio che fa girare la ruota. Il tratto esagerato della sua personalità è in effetti piuttosto rappresentativo della società. Le conversazioni che il personaggio ha con gli altri sono paragonabili a situazioni reali. Quelli coi suoi superiori gerarchici lo sono ancora di più, agendo in modo tale che il successo professionale le arrida. Più che un personaggio mostruoso, misura le parole e le azioni per fare carriera, proprio come tutti gli altri alla fine, come faremmo durante le interviste per il lavoro. Vi siete riconosciuti infami. Pertanto, le scelte dello script sullo sviluppo del personaggio generano due effetti. All’inizio, ci disgustano e allo stesso tempo ci divertono, mettendo in evidenza tutto ciò che è pessimo e detestabile in questo comportamento, grazie al fatto che ne vediamo la nuda personalità. Una seconda volta, finiamo per seguire in modo piatto e quasi disinteressato un atteggiamento che diventa banale e non più scioccante. In effetti, le scelte del personaggio nelle situazioni ci sembrano abbastanza evidenti e il tutto perde sapore. Ma confermano un’impressione inquietante per quanto riguarda le disgrazie della guerra.
Il contesto è ben trattato sulle questioni geopolitiche, con piccoli riferimenti alla dottrina della guerra giusta, attraverso regole e trattati sulla guerra evocati dai personaggi. Ritornando sulla trama iniziale, si utilizza il conflitto su vasta scala per contenere lo scontro tra Tanya e l’entità. Ma allo stesso tempo, le molte battaglie e operazioni condotte da Tanya e dalla sua squadra fanno semplicemente parte di un filo rosso ben identificato: vincere la guerra. Ebbene sì, siamo qui per parlarne. Sembrando più utile come sfondo di un anime in cui la storia ci viene venduta con l’effige di Tanya, questo passo diventa più intrigante e chiaro con l’avanzare degli episodi. Coinvolgendo riferimenti storici e tecnologici, la componente strategica per gli alti ufficiali si concentra sulle questioni postbelliche, vale a dire il futuro del continente tra le potenze e il suo equilibrio del terrore. Questo approccio narrativo arriva fino al punto di dare la misura davvero interessante alla fine, anche se alcuni punti, considerato lo stretto confronto con la nostra Storia, tendono ad essere ridicoli. Questo mi spinge ad incolpare l’autore di mancanza di immaginazione, o forse di troppo grande fascino per la storia per voler deviarne. Da un lato, è un peccato perché mantengo l’impressione di uno strano dominio tra finzione e realtà. D’altra parte, al contrario, usare uno o più periodi della storia senza realmente presupporre che la loro trasposizione nell’opera sia piuttosto intelligente da parte dell’autore.
La preoccupazione principale ruota intorno alla domanda su Dio, o X per gli atei, mi ha alquanto infastidito. Prima di contestualizzare, la Storia ha conosciuto le inquisizioni religiose richieste da uomini che affermavano di agire in virtù di una missione divina. Sì, ma qui è Dio che è l’inquisitore e persino il boia. Da cui mi chiedo se il mondo degli uomini non sia marcio perché Dio è anche marcio. Non dimentichiamo, se si crede alle Sacre Scritture, che gli uomini sono stati creati a immagine di Dio. Come può un essere perfetto creare esseri imperfetti? Non ha senso! Sì, chi ha detto che Dio è necessariamente buono o perfetto? Quindi, in questo anime, ciò che rende ancora meno sensato è presentare uno scontro tra un creatore apparentemente onnipotente, creatore di alfa e omega, e un mortale. Logicamente, la lotta è persa in anticipo. Anzi, gli si concede il corpo che vuole e le capacità che desidera. Non c’è niente che gli impedisca di opporsi a Tanya il giorno in cui si stancherà di giocare al gatto e topo. L’interesse si baserà poi su come Tanya perderà. Solo che partiamo dal presupposto che esista proprio Dio, contrariamente a ciò che crede Tanya, che alla fine dà del senso questa storia. In breve, ammettiamo ciò che vogliamo e mettiamo da parte la logica. Avete capito, non sapevo dove sbattere la testa e il lento progresso dell’anime in una dozzina di episodi non risponderà a questa domanda. Ecco perché leggere i romanzi o aspettare l’uscita della seconda stagione che sembra possibile. Quello che ricordo è che questo piccolo gioco è per Dio, o X, null’altro che una partita a scacchi in cui ha tutti i pezzi principali contro pedine che si credono potenti. Dio, o X, è un bastardo, niente di più, niente di meno, chi s’incazza e si diverte a torturare un essere come lei, lasciandole credere di avere una possibilità in questa guerra. E usa il mondo per ciò. Quindi più che una guerra tra Dio o X e Tanya, è una guerra tra il mondo e Tanya. Qualunque cosa sia, io vi parteggio. Sono un bravo fesso… eh.

Stratos 4 Advance codice 208 – Piper on the Target (Sub ITA a cura di StratosAnime)

Stratos 4 Advance – Piper on the Target

Finalmente sottotiolato in Italiano, la seconda serie di 6+2 OVA di Stratos4, intitolataStratos 4 Advance

Stratos-4-Advance

Stratos 4 Advance codice 208 – Piper on the Target, sottotitoli in Italiano, a cura di StratosAnime. Download

 

his_mecha_02