Miyazaki salverà il cinema giapponese da Hollywood?

Mark Schilling The Japan Times 26 agosto 2015Cartel-HAYAO-MIYAZAKI-IIINel 1990, quando mi dedicavo al cinema giapponese per una rivista di settore inglese, i grossi budget dei film di Hollywood dagli effetti speciali vistosi dominavano i box office locali. E il consenso dell’industria che resisteva, dagli stravaganti effetti made-in-Japan, fu inutile. Poi nel 1997, l’anime di Hayao Miyazaki “Mononoke Hime” (“Principessa Mononoke”) non solo dominò quell’anno il box office estivo, con sorprendenti 19,3 miliardi di yen, ma stabilì il record dei profitti di tutti i tempi per un film giapponese. La marea cominciava a rivoltarsi contro i colossi di Hollywood. Ma questa estate, dopo anni di trionfi della squadra di casa, Miyazaki incluso, Hollywood governa ancora i box office. Nuovi capitoli della serie campione d’incassi iniziata nel 1990 “Jurassic World” e “Mission: Impossible – Rogue Nation”, così come la nuova animazione di Hollywood, “Minion“, occupano i primi tre posti del fine settimana scorso. Con quasi 6 miliardi di yen con più di 4 milioni di spettatori, “Jurassic World” è anche il più profittevole dell’anno in Giappone. Così si torna al 1990, in termini di box office, a meno che l’industria giapponese trovi un altro Miyazaki, dopo che è andato in pensione nel 2013. Purtroppo, i registi come lui ce ne sono uno per ogni generazione, o in tutta la vita. Perché essere pessimista però? La resistenza può essere inutile, ma è anche l’unica opzione.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s